Il sito di Alberto

Start here

La veste femminile nella seconda metà del XV secolo da “Agosto” — Vestioevo

“Agosto” è uno degli affreschi del Salone dei Mesi di Palazzo Schifanoia a Ferrara. È databile al 1468-1470 circa ed è attribuito a Cosmè Tura e al Maestro di Ercole. Durante la seconda metà del XV secolo la veste femminile aveva la vita stretta che creava un’elegante gioco tra un corpetto stretto, che evidenzia le […]

via La veste femminile nella seconda metà del XV secolo da “Agosto” — Vestioevo

Annunci

La fine dell’uomo occidentale — il blog di Costanza Miriano

Originally posted on il blog di Costanza Miriano: di Costanza Miriano per Il Foglio L’uomo occidentale è finito per carenza di stelle. L’uomo è fatto di desiderio, ha bisogno di alzare lo sguardo a cercare le stelle, de-sidera, ed è questa ricerca che lo tiene dritto in piedi, in vita. È questo lo spazio nel…

via La fine dell’uomo occidentale — il blog di Costanza Miriano

Ep. I 11 La solitudine di Orazio

Storie di amicizia e di urbana quotidianità

Quid tibi visa Chios, Bullati, notaque Lesbos,

quid concinna Samos, quid Croesi regia Sardis,

Zmyrna quid et Colophon? maiora minorave fama ,

cunctane prae Campo et Tiberino flumine sordent?

5 Ac venit in votum Attalicis ex urbibus una?

an Lebedum laudas odio maris atque viarum?

Scis Lebedus quid sit: Gabiis desertior atque

Fidenis vicus ; tamen illic vivere vellem ,

oblitusque meorum, obliviscendus et illis,

10 Neptunum procul e terra spectare furentem.

View original post 2.356 altre parole

Cappella Sistina e orologi a cucù — Vivo in Lomellina

«In Italia, per trent’anni, sotto i Borgia ci furono guerre, terrore, omicidi, carneficine, ma vennero fuori Michelangelo, Leonardo da Vinci e il Rinascimento. In Svizzera non ci fu che amore fraterno, ma in cinquecento anni di quieto vivere e di pace che cosa ne è venuto fuori? L’orologio a cucù…» Orson Welles “Il terzo uomo” […]

via Cappella Sistina e orologi a cucù — Vivo in Lomellina

Jesus blood never failed me yet

il blog di Costanza Miriano

040707-gavin_bryars

Qualche tempo fa ho incontrato un caro amico, Saverio. Saverio come me è appassionato di musica e ha una discreta collezione. Quel giorno, come in un laboratorio di BombaMusica in nuce, abbiamo scambiato opinioni e ascoltato qualche disco. A un certo punto lui tira fuori dal computer un brano di un perfetto sconosciuto (almeno lo era per me): Gavin Bryars. E non solo. Mi racconta una storia. Una strana storia…

View original post 372 altre parole

La rivoluzionaria mamma di Oliviero

il blog di Costanza Miriano

di Oliviero Toscani  da Non sono obiettivo, Feltrinelli 2001

«Ieri mia madre mi ha detto: “Ho avuto un solo uomo, tuo padre”. All’improvviso si sono sgretolati anni e anni di liberazione sessuale, di convincimenti libertari, di mentalità radicale. Tutto quel che avevo creduto una conquista civile si è ridimensionato di fronte a quella semplice affermazione: “Ho avuto un solo uomo, tuo padre”. Sono stato messo di fronte alla debolezza di ciò che credevo essere la modernità, con la forza di chi afferma un principio antico, senza la consapevolezza di essere, lei sì, la vera rivoluzionaria. Mi sono domandato: sono più avanti io che ho vissuto e teorizzato il rifiuto del matrimonio, l’amore libero e i rapporti aperti o lei che per una vita intera è rimasta fedele ad un solo uomo?

View original post 302 altre parole

Charlie Gard e l’apparente vittoria di Lord Voldemort — il blog di Costanza Miriano

di Giacomo Bertoni È il 6 febbraio 1943. Il dottor Ernst Illing, psichiatra responsabile di un ospedale del Terzo Reich, scrive ai genitori di un bambino ricoverato: «Devo comunicarvi il mio rammarico nell’informarvi che il bambino è morto il 22 gennaio 1943 per infiammazione delle vie respiratorie… Egli non aveva fatto alcun tipo di progresso durante […]

via Charlie Gard e l’apparente vittoria di Lord Voldemort — il blog di Costanza Miriano